SPIAGGIA, MARE E DISABILITÀ

SPIAGGIA, MARE E DISABILITÀ

Non sono le difficoltà fisiche, il problema. È il contesto che non ti permette di fare quello che fanno tutti gli altri. Ad esempio di andare in spiaggia.

“Per quest’anno non cambiare, stessa spiaggia stesso mare”, canta una celebre canzone italiana degli anni Sessanta, invitando i bagnanti ritornare nel tratto di costa frequentato durante l’estate precedente. E se a cambiare, per una volta, fossero proprio le spiagge? Da qualche anno molti stabilimenti balneari d’Italia, da nord a sud, hanno mutato forma diventando finalmente accessibili a tutti e consentendo anche alle persone con disabilità di godersi una vacanza al mare.

Nel periodo estivo, fortunatamente, le iniziative per l’abbattimento delle barriere architettoniche anche sulle spiagge non vanno in vacanza, anzi…. “Mare per tutti”, “Mare senza Barriere”, “Spiagge per tutti”, “Tutti al mare con …. Job” e “Open sea” sono solo alcuni nomi dei tanti progetti che permettono alle persone disabili di accedere alle spiagge pubbliche o private con più autonomia. L’obiettivo comune è “garantire a tutti l’accesso al mare: spiagge e servizi accessibili anche a chi ha problemi motori o percettivi”!!! Un messaggio ad elevato contenuto sociale che sensibilizza la nostra società riguardo le numerose problematiche della disabilità, un mondo estremamente complesso.

 

Sul sito www.disabili.com, accedendo nell’apposita sezione Speciale spiagge accessibili, è disponibile l’elenco degli stabilimenti balneari pubblici o privati che, regione per regione, sono attrezzati per l’accoglienza dei vacanzieri disabili. Una guida sempre aggiornata contattando direttamente le strutture balneari oppure in base alle segnalazioni degli utenti della rete. Il portale web, inoltre, rappresenta una preziosa fonte di informazioni per dare finalmente il via al “turismo accessibile”: da nord a sud, veri e propri piani operativi studiati per garantire a tutti il diritto alla mobilità.

 

 

CATANZARO – “Nei giorni scorsi ho chiesto agli uffici regionali di poter inserire nel «bando offerta turistica 2014/2020» la possibilità, per gli operatori turistici, di partecipare al bando anche per il potenziamento dei servizi di accessibilità alle spiagge. – È quanto dichiara il capogruppo DP in consiglio regionale, Giuseppe Giudiceandrea – tutti i turisti, anche con disabilità e con esigenze specifiche, hanno diritto: all’inclusione, alla partecipazione, al comfort, al divertimento, alla sicurezza ed alla informazione. Questi diritti devono essere garantiti attraverso la realizzazione di un sistema turistico in grado di accogliere e ospitare tutti, proprio per questo, su sollecitazione del Dott. Misiti, abbiamo inteso interessare della vicenda gli uffici regionali”

“Questo è un primo passo in avanti per rendere accessibili le nostre spiagge, continueremo in questa direzione, anche con l’aiuto degli amici dell’associazione La Terra di Piero che lo scorso anno ha dotato alcuni lidi delle sedie job e tenuto corsi per i bagnini, al fine di sensibilizzare gli operatori turistici ad investire in questo senso; non è necessario solamente avere le attrezzature ma è ancora più importante la formazione del personale verso le esigenze dei diversamente abili. – la chiusura dell’On. Giudiceandrea è un invito agli operatori turistici calabresi – è importante migliorare l’offerta turistica anche attraverso le buone pratiche di «inclusione» proprio per questo invito quanti più operatori a partecipare al bando anche tenendo presente questa importante possibilità”.

 

 GROSSETO - Le "Sound & Street", seduta blu elettrico e ruote gialle, sono già posizionate in prima fila, sulla battigia di Marina di Grosseto, allo stabilimento che si chiama "Un mare tutto possibile". Non è un nome a caso. E le sedie non sono sedie da spiaggia qualsiasi: sono studiate per rendere possibile alle persone che vivono su una sedia a rotelle di sdraiarsi in riva al mare. Del resto, nemmeno Iacopo, che le ha donate, è un ragazzo qualunque.  Per il suo compleanno – era il 28 aprile – a tutti i suoi amici di Facebook ha chiesto un regalo: offritemi un caffè. C’è chi ha versato di più, ma moltissimi hanno donato davvero un euro e venti, il costo di un caffè. E con quei soldi -  che tutti insieme hanno fatto 6.800 euro – Iacopo ha comprato le sdraio speciali e le ha donate a chi, come lui, crede che sia davvero tutto possibile. È una nuova frontiera del crowfunding, inventata di sana pianta da un ragazzo che ha un fiuto speciale per la comunicazione e soprattutto un obiettivo: dimostrare che la disabilità non è un ostacolo insormontabile.  E lavorare perché questi ostacoli - che sono fuori, non dentro di te – vengano rimossi.  

 

 

SAN VITO LO CAPO - Da alcuni anni la spiaggia di San Vito Lo Capo non ha barriere e ostacoli per nessuno, grazie al Centro Addestramento Acquatico "A.S.D. Project Diver" che ha promosso il progetto "ZERO BARRIERE " .

Personale qualificato assisterà gli utenti per ogni specifica esigenza e consentirà la fruizione del mare a persone con diversa abilità motoria, utilizzando metodi e mezzi idonei per favorire l'accoglienza turistica individuale e di gruppo.  Il mare, in questo caso, diventa elemento socializzante e di integrazione. Il servizio è organizzato grazie alla collaborazione tra il Comune di San Vito Lo Capo e "Disabili no LimiTs Team", sezione dell'Associazione "A.S.D. Project Diver" di Enna, con strumenti messi a disposizione dagli enti promotori dell'iniziativa.

 

 

Numerosi progetti che aiutano le persone disabili a godersi giornate al mare in totale relax e senza complicazioni, ma che educano noi tutti al rispetto dei loro diritti in vacanza e non solo!!!! Prima di abbattere le barriere architettoniche, demoliamo le barriere culturali! Il rispetto parte dai piccoli gesti concreti quotidiani, quale ad esempio non parcheggiare nelle aree a loro riservate!!!!

 

 

Ricordi Alessandro

 

FONTI:

 

 

Contattaci

Compila subito il form seguente,
ti ricontatteremo al più presto.

autorizzo il trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/2003. Dichiaro di aver letto informativa sulla Privacy  Si No